La mia missione di 30 anni per battere Zelda II: The Adventure of Link

    La mia missione di 30 anni per battere Zelda II: The Adventure of Link

    Ho perso il conto di quante volte ho lasciato indietro Ganon

    Trentuno anni fa, The Legend of Zelda è diventato il primo videogioco che ho battuto. Un anno dopo, Zelda II: The Adventure of Link è diventato il primo videogioco che ho abbandonato.


    Ad essere onesto, non ho finito troppi giochi alle elementari. Avevamo forse cinque titoli in totale per il nostro NES e tutto il resto era noleggiato. Quindi la maggior parte dei giochi a cui ho giocato nei primi anni '90 era tornata prima che avessi la possibilità di vedere i titoli di coda rotolare.


    Ma non è quello che è successo con Zelda II. Certo, era un noleggio per tenermi occupato per un altro weekend tempestoso nella parte occidentale di Washington, ma ci ho rinunciato molto prima di doverlo riportare al negozio di noleggio. Per quanto fossi affascinato da tutto ciò che Zelda ha seguito dopo la mia vittoria su Ganon nel primo gioco, provare a giocare a The Adventure of Link mi ha fatto venire voglia di piangere come la femminuccia che ero e sono sempre.

    Forse il gioco non è progettato per essere battuto da bambini di sei anni, ma non riuscivo nemmeno a batterlo quando avevo 18 anni ed è stato ripubblicato su The Legend of Zelda: Collector's Bonus Disc Edition, quando avevo 22 anni e L'ho comprato per la Wii Virtual Console, quando avevo 26 anni e l'ho ricevuto gratuitamente nell'ambito del programma 3DS Ambassador, quando avevo 31 anni e ho cercato di batterlo in tempo per il 30° anniversario del franchise, e quattro anni fa quando ho ambientato per conquistarlo sul mio NES Classic Edition. Questo gioco mi ha distrutto per tutta la vita, ma quest'anno ho finalmente trovato un modo per farcela.



    Mi sono tradito il culo.

    La mia missione di 30 anni per battere Zelda II: The Adventure of Link

    Per essere chiari, ho cercato per anni di battere Zelda II legittimamente. Non ho mai superato il secondo dungeon su NES, ma sul mio GameCube l'ho provato alla vecchia maniera. Senza dovermi preoccupare di rispedire il gioco al negozio di noleggio, sapevo che potevo prendermi il mio tempo e dedicarmi completamente a padroneggiarlo allo stesso modo in cui avevo imparato l'originale e A Link to the Past. Ho persino stampato una guida GameFAQs per indicarmi la giusta direzione. E mentre mi ha aiutato ad andare oltre che mai, non è riuscito a farmi superare Rebonack.

    Per chi non lo sapesse, Rebonack è il boss del dungeon di Island Palace. Sulla carta, questa sembra una lotta abbastanza facile. Inizia cavalcando un'armatura da cavallo galleggiante, caricandoti da sinistra a destra. Devi saltargli sopra con una spinta verso il basso mentre passa per ridurre la sua energia. Tuttavia, a metà del combattimento, salterà da cavallo, recupererà tutta la sua salute e verrà da te come Blue Iron Knuckle. Questa è una parte che mi ha dato problemi per tutta la vita.

    Per quanto ammiri Nintendo per non essersi riposata sugli allori durante la creazione di un sequel di The Legend of Zelda, il passaggio al combattimento d'azione a scorrimento laterale ha introdotto una serie di problemi comuni ai giochi NES dell'era che l'originale era in grado di evitare . Chiunque abbia giocato a Ninja Gaiden ha probabilmente perso una o venti vite a causa di un uccello che è apparso dal nulla per colpirti a metà salto sopra una fossa.



    È qualcosa con cui Link ha dovuto fare i conti nella sua seconda uscita, anche se nel suo caso è stato il bulbo oculare volante Moas che è sfrecciato dal lato sinistro o destro dello schermo per farlo cadere nella lava. È una sciocchezza a buon mercato e frustrante. Devi avere riflessi incredibili e coordinazione occhio-mano per completare con successo Link's Adventure, poiché i nemici che dovrai affrontare sono quasi soprannaturali nelle loro risposte alle tue azioni. I tuoi nemici possono spendere un centesimo per colpirti, e Iron Knuckles e i loro simili sono così abili nel bloccare i tuoi attacchi che sarebbe comico se non fosse così esacerbante.

    La mia missione di 30 anni per battere Zelda II: The Adventure of Link

    Ecco perché non potrei mai battere Rebonack. Non appena è passato alla sua seconda forma, ho dovuto fare i conti con un nemico che poteva facilmente bloccare tutti i miei attacchi, che poteva attaccarmi quasi senza sosta e che poteva essere spinto fuori dallo schermo dove non potevo raggiungerli , ma potrebbero comunque colpirmi. Iron Knuckles e Gerus Lizard sono piuttosto frustranti quando hanno muri o buche dove puoi colpirli. Ma quello che può semplicemente lasciare lo schermo mentre infligge danni ti farà diventare grigi i capelli.

    Quindi sì, quando avevo 18 anni, ho detto fanculo e fermati a Rebonack. Quando l'ho riprodotto su Virtual Console, ho detto fanculo e ho lasciato Rebonack. Sul 3DS? Hai indovinato. Ho detto fanculo e fermati a Rebonack. Poi, sul mio NES Classic, sono passato davanti all'Island Palace, e hea, stavo scherzando. Ho detto fanculo e fermati a Rebonack.

    Per oltre 15 anni, quel bastardo è stato la rovina della mia esistenza. Sono sicuro che se l'avessi tenuto alla fine l'avrei superato e ho scoperto che la difficoltà dei boss da lì scende. Ma dopo aver combattuto così tanti Iron Knuckles durante la mia ricerca, e sapendo che il viaggio davanti a me sarebbe stato disseminato di ancora di più, doverne sfidare uno mentre un boss mi ha immediatamente sfinito, come se la mia anima stesse pulsando le sue mani in aria ed esclamasse , "Non di nuovo quella merda. " 



    Per anni, questa è stata la mia opinione dominante su Zelda II: The Adventure of Link. È un gioco estenuante, apparentemente progettato per garantire che i giocatori trascorrano dozzine di ore cercando di farsi strada attraverso nemici estremamente veloci e potenti. Non odiavo il gioco, non pensavo nemmeno che fosse un brutto gioco, era solo più complicato di quanto mi sarebbe piaciuto, come giocare con Earthbound Beginnings.

    La mia missione di 30 anni per battere Zelda II: The Adventure of Link

    Voglio dire, lo sapevi che perdi XP quando alcuni nemici ti colpiscono e portano via molto più di quanto danno quando li uccidi? È come se il gioco stesse cercando di essere il più un cazzo possibile per i giocatori. Se non fosse per il fatto che mantieni gli strumenti e i livelli che sblocchi durante i tuoi numerosi tentativi, questo potrebbe essere il gioco più antagonista che Nintendo abbia mai realizzato.

    Con alcune modifiche, non credo che The Adventure of Link sarebbe la pecora nera della serie che è oggi. Ma dopo circa XNUMX anni, l'unico cambiamento evidente è stata l'eliminazione dello schermo tremolante quando Ganon ritorna quando muori. È difficile ora come quando indossavo ancora le scarpe con il velcro perché i lacci mi intimidivano. L'unica differenza è che oggi ho la funzione di riavvolgimento del Nintendo Entertainment System - Nintendo Switch Online.

    Probabilmente avrei potuto farmi strada attraverso il NES perché avevamo un Game Genie funzionante. L'unico problema è che non avevamo un codebook funzionante e, onestamente, non mi piaceva molto l'idea di rompere un gioco per poterlo battere. Gli indizi andavano bene perché avevo bisogno di molto aiuto per orientarmi a Hyrule nel primo gioco e avevamo alcuni controller NES Max in giro, ma i codici Game Genie mi hanno sempre colpito come una curiosità piuttosto che un mezzo legittimo. alla fine. Una cosa è attivare Moon Jump in Super Mario Bros, un'altra è darti un potere stellare permanente.

    Ma quello era stupido, io avevo sei anni. Presto a 36 anni, sono d'accordo con imbrogliare, o per lo meno, deridere il sistema a mio vantaggio. E non c'è modo migliore per farti strada in The Adventure of Link che abusare della funzione di riavvolgimento di Switch Online.

    La mia missione di 30 anni per battere Zelda II: The Adventure of Link

    Ad essere onesti, non mi ero nemmeno reso conto che esistesse una funzione di riavvolgimento quando l'ho avviata per la prima volta. Mi sono prefissato l'obiettivo di battere il gioco per il compleanno in modo da poter scrivere questo post, e all'inizio l'ho vissuto come prima. Ho battuto il primo dungeon con facilità, sono morto molto raggiungendo il secondo dungeon, sono morto molto trovando il martello e alla fine ho iniziato a prendere a calci in culo dopo aver sbloccato la spinta verso il basso. Poi ho colpito Rebonack e il gioco ha iniziato subito a darmi sui nervi.

    Mentre mi stavo preparando a partire, mi è venuto in mente che fino ad ora avevo completamente ignorato l'interfaccia di Switch Online. Qui è dove ho visto la funzione di riavvolgimento. Ho pensato che potevo anche provare, quindi ho riavvolto il mio combattimento con Rebonack e l'ho sfidato di nuovo.

    Mi ha battuto, ma questa volta ho fatto meglio. Quindi ho fatto marcia indietro e ho fatto anche meglio. Al mio quarto ritorno, l'ho quasi battuto. Poi ho iniziato a riavvolgere ogni volta che mi ha colpito, e abbastanza presto, come il samurai di Katana Zero, mi sono girato in una corsa perfetta contro la mia nemesi. Poche ore dopo, ho fatto una corsa perfetta per far rivivere la Principessa Zelda addormentata. Un grande sorriso si allargò sul mio viso mentre guardavo scorrere i titoli di coda. Alla fine avevo battuto un gioco che mi aveva dato dolore per tutta la vita, anche se avevo bisogno di un piccolo aiuto per farlo.

    La mia missione di 30 anni per battere Zelda II: The Adventure of Link

    Guardando indietro, mi rendo conto che la funzione di riavvolgimento è un sostituto di ciò che mi è davvero mancato in tutti questi anni: la pazienza. Non sono una persona abbastanza paziente per gestire le cazzate di questo gioco.

    Se sei una persona che ha battuto Zelda II: The Adventure of Link senza alcuna assistenza tecnica, tanto di cappello a te. Sei un giocatore migliore di me. Ma se sei come me, una persona che desidera da anni questo titolo fuori dal proprio backlog, non dispiacerti di usare tutto l'aiuto che puoi ottenere. Riavvolgi il gioco, scegli la versione SP che massimizza Link all'inizio della sua avventura, fai tutto il necessario perché Zelda II è una troia da gioco, ma con idee significative che erano molto in anticipo sui tempi.

    E una volta battuto, puoi stare tranquillo sapendo che ora che l'hai conquistato, non dovrai più pensarci.

    La mia missione di 30 anni per battere Zelda II: The Adventure of Link

    Registrato sotto…

    Aggiungi un commento di La mia missione di 30 anni per battere Zelda II: The Adventure of Link
    Commento inviato con successo! Lo esamineremo nelle prossime ore.

    End of content

    No more pages to load